3050535

Con un costante dialogo tra opere d’arte del passato e della contemporaneità, il volume mette in rete costellazioni di immagini che, a dispetto dei differenti media cui sono riconducibili, entrano tra loro in sinergia per dare luogo a nuove e inattese configurazioni di significato. È il caso del velo albertiano, messo in risonanza con “I giardini di Compton House” di Peter Greeneway, con l’installazione “Rahmenbau” a Kassel e con il video “The veiling” di Bill Viola. Anche i tagli di Lucio Fontana e le colate di colore di Hermann Nitsch sono relazionabili alla ferita al costato di Cristo, cosi come il seicentesco quadro a lume di notte dialoga, sul piano del coinvolgimento passionale dell’osservatore, con le video-installazioni dello stesso Bill Viola. E ancora, le appassionate forme del dolore presenti nel bolognese “Compianto” di Niccolò dell’Arca trovano un riscontro in un’opera della piena contemporaneità, “la Pietà del Kossovo” di Pascal Convert. Il passaggio dalla figuratività alla totale astrazione si coglie, in particolare, nella” Rothko Chapel” di Houston, dove il modus operandi dell’artista americano propone un rapporto con l’osservatore analogo a quello che il Beato Angelico già aveva sperimentato nelle celle del convento di San Marco a Firenze.

Lucia Corrain
Il velo dell’arte. Una rete di immagini tra passato e contemporaneità.
La Casa Usher
2016

Lucia Corrain, Il velo dell’arte, La Casa Usher, 2016
Tagged on:         

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *