Utenti, media, professionisti e studiosi della comunicazione parlano sempre più insistentemente di “viralità”, con riferimento alle pratiche online e, in particolare, ai social network. Icasticamente metaforica, tale folk category è, però, priva di valore euristico, poiché si limita a descrivere ciò che accade ai testi che le vengono ascritti, senza dirci nulla sulla loro natura e sul loro funzionamento: “infettano” i discorsi sociali, si diffondono rapidamente e trasversalmente, “a macchia d’olio”, in maniera in controllabile. Ma come sono fatti? Quali caratteristiche presentano? Come vengono generati? Come si diffondono? Come vengono utilizzati? E che effetti hanno su chi li usa? Individuano forse una classe omogenea? Il volume, punto di arrivo di un percorso delineatosi a partire da una manciata di anni a questa parte e, si spera, punto di partenza per un avanzamento degli Internet studies in seno agli studi semiotici, e viceversa, si pone come obiettivo di dare risposta a queste e altre domande su quello che pare profilarsi come il principale meta–macroregime discorsivo della comunicazione contemporanea. La nozione di viralità viene messa a fuoco e a nudo, onde poterla mettere in discussione e superare, tratteggiando le possibili linee guidadi una “epidemiologia del senso”: uno studio rigoroso dei sistemi di significazione che sovrintendono alla creazione, trasformazione e propagazione dei contenuti “di cui parliamo tutti” sulla Rete.
A cura di Gabriele Marino, Mattia Thibault

Kris Belden–Adams, Paolo Bertetti, Marianna Boero, Vito Campanelli, Alessandra Chiappori, Giuseppe Damone, Gabriele de Seta, Guido Ferraro, Massimo Leone, Claudia Manini, Dario Martinelli, Alessandro Perissinotto, Paolo Peverini, Maurizio Piraccini, Jenny Ponzo, Nathalie Roelens, Antonio Santangelo, Raffaella Scelzi, Elsa Soro, Simona Stano, Bruno Surace, Federica Turco, Andreas Ventsel, Ugo Volli
I saggi di Lexia
Aracne
2016
Lexia 25-26, Viralità, Aracne, 2016
Tagged on:         

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *