Nella cultura contemporanea, tra edonismo e spiritualismo, il concetto polivalente di Simbolo “realizzazione signficativa del sensibile, manifestazione e incarnazione del significato” ci promette un nuovo senso e valore. Di questo termine, usato indifferentemente nell’astrazione logica e scientifica come nella teologia e la mistica, Umberto Eco ha proposto una nuova, originale caratterizzazione: il suo “modo simbolico” è collocato e definito all’interno del paradigma semiotico (Saussure e Peirce, Todorov e Kristeva). Nella foresta dei simboli, tra antropologia e filosofia, Umberto Eco ha distinto il segno e la metafora, l’emblema e l’allegoria, con un’attenzione particolare al mito e al rituale, alla composizione poetica e all’epifania artistica. Questo testo importante nell’evoluzione dell’estetica di Eco – dopo l’Opera Aperta – è rimasto inascoltato e il concetto di simbolo mantiene tutta la sua ambivalenza linguistica e culturale. Nell’introduzione, un altro semiologo, Paolo Fabbri, ne riprende criticamente i metodi e i risultati.

Umberto Eco, con introduzione di Paolo Fabbri

Simbolo

luca sossella editore

2018

Eco U., Simbolo, luca sossella editore, 2018
Tagged on:             

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *