Affinità e divergenze ai margini di due discipline Vol.1

Etnosemiotica è un termine che contiene al suo interno due parole, legate a due tradizioni disciplinari specifiche. Da un lato abbiamo l’antropologia, disciplina che mette al centro l’uomo nelle sue molteplici forme e declinazioni; dall’altra abbiamo la semiotica, che si occupa di indagare il senso nelle sue possibili articolazioni. Attraverso sei voci autorevoli – Paolo Fabbri, Gianfranco Marrone, Francesco Marsciani, Jacques Fontanille, François Jullien – con questo primo volume si cerca di mettere in luce punti di contatto e criticità tra i due saperi. Con l’intenzione di contribuire al dibattito, sempre acceso, sulle difficoltà legate alla realizzazione concreta dell’interdisciplinarità, il volume raccoglie diverse prospettive, che regalano al lettore un quadro chiaro e attuale delle problematiche legate alla costituzione dell’etnosemiotica come progetto disciplinare.

PAOLA DONATIELLO è dottoranda in Semiotica presso l’Università degli studi di Bologna. Inaugura la collana dei Quaderni di Etnosemiotica con il volume Via Mascarella. Declinazioni di uno spazio denso. Membro del Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica, scrive su riviste accademiche, collabora con la rivista online Doppiozero. Incuriosita da tutto ci che è osservabile.

GIUSEPPE MAZZARINO è dottorando in Antropologia culturale e sociale presso l’Università degli studi di Milano-Bicocca. Si laurea in Semiotica nel 2014. Già autore di un volume della collana Quaderni di Etnosemiotica dal titolo Il potere dell’ipnosi. Proposte teoriche per un’etnosemiotica, è membro attivo del Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica dal 2015.

Donatiello P., Mazzarino G.
Tra “Etno” e “Semiotica”
Esculapio
Bologna

2017

Donatiello P., Mazzarino G., Tra “Etno” e “Semiotica”, Esculapio, Bologna, 2017
Tagged on:     

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *