“Basi linguistiche” come “basi epistemologiche” della semiotica; basi che delineano una teoria molto precisa: la semiolinguistica, contrapposta a un generico “campo semiotico”. Qui il segno verbale occupa un posto di rilievo essendo condizione imprescindibile della riflessione su tutti i segni, verbali e non verbali. È pertanto difficile per la semiotica fare a meno della linguistica, la quale, a sua volta, deve partire dalla nozione di segno e dunque darsi una costituzione semiotica per potersi occupare del segno verbale stesso. Una buona ricerca teorica, inoltre, non può prescindere da una “tradizione scientifica”: la dimensione storica acquista così una valenza epistemica. In questo quadro il libro colloca la questione dell’arbitrarietà del segno, della traduzione, dell’onnipotenza semiotica delle lingue, della dialettalità della semiosi, della natura stratificazionale del linguaggio, muovendosi con un passo teorico e storico.

Cosimo Caputo

Basi linguistiche della semiotica. Teoria e storia

Mimesis Edizioni

Milano-Udine

2021

Caputo C., Basi linguistiche della semiotica. Teoria e storia, Mimesis Edizioni, Milano-Udine, 2021
Tagged on:             

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *